Un compleanno Particolare

Un compleanno particolare.

Con la mia compagna ed un’amica anche’essa nostra coetanea avevamo deciso di fare insieme la festa del compleanno anche per raccogliere donazioni per la nostra associazione di volontariato e cooperazione;  appuntamento, confermato, al 1° marzo. 60 anni meritano qualcosa di speciale, non solo perchè è una cifra tonda, ma anche perché si fanno sentire tutti… Quindi oggi 29 gennaio nessuna festa particolare, mi sono detto. Gli auguri di mia moglie e mio figlio al mattino e di alcuni colleghi a lavoro e tanti altri via sms, skype, facebook. Ma la sorpresa vera me l’hanno fatta proprio i soci e  i dipendenti della cooperativa dove lavoro da 32 anni. Di nascosto hanno ripulito un grande stanzone e lo hanno addobbato a festa. Mio fratello si presenta con faccia un po’ rattristata e mi dice di avvicinarmi che c’è una cosa da vedere, un problema, insomma; ci sono cascato; così mi fa entrare nello stanzone dove trovo tutti pronti a farmi la festa…  con tanto di stendardi e bandierine, torta con candeline, trombette e immancabile “i migliori anni” di Renato Zero. Fin qui, si direbbe, poco di originale. Già era successo per i 50 anni; strano destino, tocca sempre a me tagliare per primo questi traguardi essendo il “meno giovane” tra i soci. Il bello non è stato solo e tutto nella festa.

Il bello maggiore è stato il regalo. Ho ricevuto un salvadanaio con ben 250 euro! La felicità sta innanzitutto perché so quanto costi in questo periodo mettere insieme quei soldi in poco più di una dozzina di persone. Ma io, senza falsa modestia, di quei soldi di certo non  ho bisogno e anche loro che me li hanno regalati lo sanno. C’è voluto poco per capire che con Chiara abbiamo seminato bene nelle diverse occasioni di festa degli ultimi anni quando abbiamo chiesto non di abolire il “regalo” perché un dono è un gesto di amore quando è fatto col cuore, ma di fare a noi il più bel regalo possibile: la presenza degli amici; e poi, se proprio si vuole fare un gesto “materiale” abbiamo suggerito donazioni per  progetti di cooperazione che sosteniamo con l’Associazione Il Villaggio (www.ilvillaggio.net) e che ci hanno permesso di creare opportunità di lavoro e di reddito agli ultimi di paesi come Brasile, Camerun  Senegal.

Una sorpresa ed un regalo più belli non potevamo riceverli. Sono un “diversamente ragazzo” fortunato! Questi momenti di amicizia ti fanno passare sopra le difficoltà, gli scazzi, gli ostacoli che quotidianamente ti trovi davanti nel lavoro e la vita diventa più leggera e felice. Grazie amici di S’Atra Sardigna!

P.S. : La pagina di cui sopra fa parte dell’ultima fatica letteraria di Ignazio che verra distribuita in occasione della festa del 1° Marzo e pubblicata sul sito per favorire la raccolta di risorse da destinare ai nostri amici del Brasile , del Camerun e del Senegal.

Da parte del WEBMASTER Gg ( poco web e poco master ) , mi sento di poter estendere, da parte di  tutto il Villaggio, i nostri auguri e il nostro sentito grazie a Ignazio e a S’Atra Sardigna.